PROGETTAZIONE E COSTRUZIONE DI IMPIANTI CON TECNOLOGIA PROPRIA  BREVETTATA CON CERTIFICAZIONE DI PRODUTTIVITA' PER LA PRODUZIONE DI OLIO VEGETALE E BIODIESEL DA ALGHE

IMPIANTI A BIOALGHE PER LA FILTRAZIONE DELLA CO2

IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI OMEGA 3, SPIRULINA E ASTAXANTINA RICAVATI DALLE BIOALGHE

IMPIANTI PER LA PRODUZIONE DI BIOPLASTICHE DA MICROALGHE

Progetto nuova sede

Interamente progettata la nuova sede di Modena dove verranno concentrate le sedi di via Giardini e di via del tirassegno in una unica struttura, la sede su due piani ha integrato gli uffici amministrativi e commerciali, i laboratori e la struttura di controllo della serra produttiva che verrà collegata tramite una pensilina.

Laboratori di Modena Italia

I laboratori di Modena verranno presto trasferiti nella nuova sede dove verranno concentrate tutte le attività, gli studi e le ricerca proseguiranno in collaborazione con l’Università di Modena ed i nostri supervisor americani.

Stampa 3d con filo Biodegradabile da Microalghe

Plastica da Alghe

Sviluppato in azienda, con la collaborazione di partner internazionali, il filo per stampanti 3d ricavato dalle Microalghe, perfettamente compatibile con tutte le stampanti in commercio.

La  Teregroup è in grado di realizzare, grazie al nostro ufficio tecnico, oggetti progettati con sistema CAD e realizzati con la nostra stampante per prototipi e oggetti complessi anche non biodegradabili.

Nella foto  il fotobioreattore TG di Modena da più di 1.000 litri che ha raggiunto il massimo della produttività, dopo il collaudo verrà inserito assieme ad altri 100 all'interno della serra da 1.000 metri quadrati, nella immagine seguente, per la produzione di Microalghe per Biofuel, Bioplastiche o Nutraceutica come la Spirulina.

 

 

Ormai completata la serra da 36.000 metri quadrati per la realizzazione del primo impianto produttivo Francese per la produzione di Biofuel da Microalghe.

Presentata  davanti ad un folto pubblico di giornalisti e di imprenditori la nuova Raffineria  specializzata in chimica verde e che si occuperà di trasformare l’olio da alghe di Teregroup in biodiesel, tra i relatori il Senatore Saverio D’Amelio, Luca Braia Assessore alle Politiche Agricole e Forestali, Raffaele Liberali Assessore alle Politiche di Sviluppo e tanti altri.

Conferenza sul clima di Parigi, è svolta storica anche per i produttori di biocarburanti

 

La bozza di intesa presentata dal ministro degli Esteri francese: «Limitare riscaldamento ben sotto i 2 gradi entro il 2020». Confermato il fondo da 100 miliardi di dollari per i paesi in via di sviluppo. Hollande: «Occasione di cambiare la storia», questo grazie anche al supporto dei consulenti di Teregroup e Algamoil.

 

Una bozza di accordo ambiziosa e bilanciata, giuridicamente vincolante, un punto di svolta storico». Il ministro degli esteri francese Laurent Fabius ha presentato la bozza di intesa raggiunta a conclusione del vertice sul clima di Parigi, che verrà poi passata al vaglio dell’assemblea plenaria. Un accordo che prevede un piano quinquennale per tutti i Paesi per limitare il surriscaldamento globale. L’intesa limita il riscaldamento a un livello «ben al di sotto dei 2° entro il 2020, quasi 1,5°» ha detto il ministro degli esteri francese. E ancora i piani nazionali per il taglio dei gas serra saranno sottoposti a revisione ogni 5 anni. Confermato il fondo da 100 miliardi di dollari per i Paesi in via di sviluppo che però, spiega Fabius «da qui al 2020 sarà un punto di partenza, un nuovo obbiettivo con un altra cifra dovrà essere stabilito nel 2025» ha detto Fabius, che ha poi concluso citando Nelson Mandela: «Nessuno di noi agendo da solo può raggiungere il successo, il successo è portato da tutte le nostre mani riunite».

«Questo accordo - ha tenuto a precisare il ministro degli Esteri francese - è necessario per il mondo intero e per ciascuno dei nostri paesi. Aiuterà gli stati insulari a tutelarsi davanti all’avanzare dei mari che minacciano le loro coste; darà mezzi finanziari all’Africa, sosterrà l’America Latina nella protezione delle sue foreste e appoggerà i produttori di petrolio nella diversificazione della loro produzione energetica anche con la produzione di biocarburanti ricavati da alghe.

Presentata a Parigi alla conferenza sul clima COP 21 la tecnologia Teregroup per l’abbattimento delle emissioni nelle centrali elettriche in particolare a Carbone, i fumi vengono catturati da una speciale cappa e vengono convogliati in una serie di cilindri verticali contenenti una tipologia di bioalga che trasforma le emissioni in ossigeno, una grande opportunità per il nostro pianeta con una soluzione naturale e a costi contenuti, un impianto di dimensioni standard è in grado di trasformare le emissioni in ossigeno nella stessa quantità di un bosco da 400 ettari.

PRESENTATA A PARIGI ALLA CONFERENZA SUL CLIMA COP21 LA NOSTRA PROPOSTA DI RIDUZIONE DELL'INQUINAMENTO CON L'UTILIZZO DEL NOSTRO COMBUSTIBILE VEGETALE COME ADDITTIVO AI CARBURANTI MINERALI (il video qui sotto ne dimostra i vantaggi)

Test effettuato venerdì 27 novembre 2015 presso l’Università di Modena, Dipartimento Enzo Ferrari, su motore turbo VM da 180 cavalli normalmente installato su Jeep Cherokee.

E’ stato utilizzato come combustibile il gasolio minerale addittivato con il 10 % di biodiesel da alghe, secondo le normative europee che entreranno in vigore dal 2018.

Il risultato ottenuto dalle prove è stata una importante riduzione delle emissioni in particolare oltre i 2000 giri motore.

Questo addittivo può dare un grande aiuto al pianeta e ci aspettiamo una risposta importante dai governanti di tutto il mondo riuniti a Parigi al COP21.

Teregroup, unico rappresentante per l'Italia, è presente al congresso di ABO sulle biomasse algali a Washington, in particolare si discuterà della grande opportunità che ha dato il governo Americano autorizzando gli impianti algali come bio filtro per combattere l'Anidride Carbonica.

TEREGROUP PRESENTA LA NUOVA TECNOLOGIA PER BIOFILTRARE L'ANIDRIDE CARBONICA ED IL DIGESTATO PRODOTTO DAGLI IMPIANTI BIOGAS

NUOVA LEGGE PER LA BIOFILTRAZIONE DELLA CO2 CON LE ALGHE

 

Siamo contenti, orgogliosi e onorati di annunciare  che è stato raggiunto un importante traguardo legislativo negli Stati Uniti: la US Environmental  Protection Agency (EPA) approva la cattura e l’utilizzo della CO2 nelle centrali elettriche che cercano di soddisfare gli obiettivi di riduzione delle emissioni.
 

Il Piano Clean Power osserva che "i piani statali possono consentire di utilizzare le tecnologie di qualificazione CCU per ridurre le emissioni in atmosfera di CO2, o quelli che devono essere considerati per dimostrare il conseguimento dei tassi di rendimento delle emissioni di CO2.
 

In poche parole, si tratta di una grande vittoria per l'industria delle Alghe,  abbiamo lavorato a questo per più di un anno. La legge dà nuova opportunità a tutte le aziende che stanno commercializzando tecnologie a base di Alghe e che convertono l'anidride carbonica prodotta dalle centrali elettriche, in olio vegetale, mangimi, fertilizzanti e altri prodotti di valore.

Il nostro messaggio è che l'utilizzo della CO2  è un approccio orientato al senso comune, con il supporto bipartisan di tutto il Congresso degli Stati Uniti. La crescente importanza dell’utilizzazione della CO2 si rifletterà con l’aumento dei finanziamenti statali..

 

Questa nuova legge sarà presa come riferimento anche in Europa…
 

Impianto produttivo in attività 

Nuovo impianto da 20.000 metri quadri di produzione di bioalghe completamente integrato in serre

Nuovo impianto da 300.000 metri quadri per la biofiltrazione di 300.000 ton di Co2 con le microalghe.

FINALMENTE LA LEGGE SUI BIOCARBURANTI, FISSATE LE QUOTE D'OBBLIGO FINO AL 2022

È pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 250 del 27 ottobre il decreto del ministero dello Sviluppo economico 10 ottobre 2014 “Aggiornamento delle condizioni, dei criteri e delle modalità di attuazione dell'obbligo di immissione in consumo di biocarburanti compresi quelli avanzati”.

Il decreto stabilisce, le nuove quote d'obbligo di biocarburanti, pari al 5% delle immissioni in consumo di benzina e diesel nel 2015, al 5,5% nel 2016, al 6,5% nel 2017, al 7,5% nel 2018, al 9% nel 2019m, al 10% tra il 2020 e il 2022. Tra i biocarburanti sono inseriti anche il biometano e il biopropano.

Novità dal 2018 una parte dell'obbligo dovrà essere coperto con biocarburanti “avanzati”, cioè ottenuti da materie prime di scarto o comunque non alimentari, indicate nell'allegato 3 del decreto: la quota sarà dell'1,2% nel 2018 e 2019, dell'1,6% nel 2020 e 2021 e del 2% nel 2022.

TEREGROUP E ALGAMOIL A ECOMONDO KEY ENERGY A RIMINI

Teregroup in collaborazione con Algamoil ha partecipato a Ecomondo Key energy ottenendo un notevole interesse da parte dei visitatori in particolare ringraziamo tutti i nostri clienti che ci hanno visitato sfidando le intemperie ed i nostri collaboratori che per 4 giorni sono stati a disposizione delle centinaia di persone che chiedevano informazioni tecniche e commerciali.

Ringraziamo l’organizzazione del grande lavoro effettuato e ci rivedremo il prossimo anno.

TEREGROUP IN COLLABORAZIONE CON ALGAMOIL AL CONVEGNO MONDIALE DEI PRODUTTORI DI BIOALGHE A SAN DIEGO CALIFORNIA

Dal 29 settembre al 2 ottobre si è tenuto il convegno mondiale delle aziende produttrici di prodotti ricavati da bioalghe, folta partecipazione di visitatori  da tutto il mondo che hanno pagato quasi 500 $ di ingresso.

Teregroup in collaborazione con Algamoil è stata l’unica azienda italiana presente e ha ottenuto un notevole interesse da parte dei visitatori.

Durante il congresso sono state presentate tutte le novità tecnologiche e biologiche per lo sviluppo delle bioalghe.

I produttori si sono riuniti per definire gli standard tecnici per la definizione dei prodotti ricavati dalle alghe, in particolare per stabilire i requisiti dei biofuel, la ricerca effettuata da Teregroup in particolare, sui biofuel, ha permesso di definire le caratteristiche tecniche su motori diesel di serie.

Più di 400 sono stati i progetti e le ricerche presentati al convegno, chiara indicazione del forte sviluppo del settore, in particolare sulla spinta del dipartimento americano per l’energia e la notizia che la famiglia Rockefeller avrebbe abbandonato il settore dei combustibili derivati dal petrolio per dedicarsi solo ai combustibili verdi come quelli derivati da alghe.

La Boeing era presente al convegno con un modellino del nuovo 787 dreamliner che potrà funzionare anche con combustibile ricavato da alghe.

- Boeing 787 alimentato a biodiesel da alghe, prevede di abbattere del 50% le emissioni di CO2 -

IL 25 GIUGNO 2014 SI E' TENUTO IL CONVEGNO ALGAMOIL E TEREGROUP PRESSO L'UNIVERSITA' DI MODENA PER PRESENTARE IL NUOVO COMBUSTIBILE DUAL FUEL

 

SOLUZIONE INNOVATIVA PER LA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI ANIDRIDE CARBONICA E PARTICOLATO DEI MOTORI A COMBUSTIONE INTERNA

 

in collaborazione con Unimore Dipartimento Enzo Ferrari, Hpe, Stm e Algamoil  e cofinanziato dalla Fondazione Crmo

Il convegno ha dato il via al progetto per verificare i dati che sperimentalmente sono già stati presentati alla sessantottesima  Conference of the Italian Thermal Machines Engineering Association l’11 settembre 2013 dai professori Enrico Mattarelli e Carlo Rinaldini dell’Università di Modena e dal Professor Valeri Golovitchev della Chalmers University of Technology.

Il progetto si pone l’obiettivo di testare al banco prova i motori a gasolio alimentati con il  metano e con biodiesel ricavato dalle alghe: il cosiddetto motore dual-fuel che prevede l’accensione, mediante un’iniezione pilota di biodiesel e di una carica premiscelata di metano ottenuta con un’iniezione indiretta.

Si prevede di testare anche il metano prodotto da impianti a biogas, questo permetterà di  avere così un carburante tutto biologico e al 100% italiano.

 

Al convegno era presente una folta delegazione di investitori italiani ed internazionali interessati a conoscerne le potenzialità.

Il convegno ha avuto una prefazione del Professor Giuseppe Cantore, Ordinario di Macchine presso il DIEF (Dipartimento Ingegneria Enzo Ferrari), ha presentato questo progetto nella terra dei motori in occasione dei festeggiamenti dei  100 anni della Maserati, successivamente ha preso la parola il Professor Enrico Mattarelli presentando la ricerca fatta sul dual-fuel ed i risultati previsti indicati nella tabella seguente.

Al termine il Professor Carlo Rinaldini ha presentato lo stato dell’arte della sperimentazione dei motori a gasolio alimentati con il biodiesel da alghe di Algamoil recentemente presentato a Detroit.

Alla fine del convegno gli ospiti sono stati invitati a visitare i laboratori e gli impianti di produzione di alghe combustibili di Algamoil e Teregroup.

PRESENTATO ALLA STAMPA E ALLA TV NAZIONALE IL NUOVO POLO PER L'ALGA COMBUSTIBILE

TEREGROUP E ALGAMOIL A DETROIT PRESENTANO IL BIODIESEL DA ALGHE ALLA COMUNITA' SCIENTIFICA INTERNAZIONALE

TEREGROUP E' CONSULENTE ENERGETICO PER IL BIODIESEL ALGAMOIL

Conosciuta a livello internazionale TEREGROUP ha attività nel settore delle biotecnologie tra cui le energie rinnovabili tramite prodotti di terza generazione in particolare per la produzione di biodiesel Algamoil e nel farmaceutico medicale sviluppando prodotti derivati dalle alghe come la spirulina, l'astaxantina e l'haematococcus.

 

 

 

 

 

 

 

 

IL PARLAMENTO EUROPEO APPROVA LA LEGGE: "OBBLIGATORIO, IN TUTTA EUROPA, L'USO DEL BIODIESEL DA ALGHE NEI CARBURANTI


Il Parlamento Europeo a Strasburgo ha adottato mercoledì 11 09 2013 nuove regole per stabilire un tetto all'utilizzo di biocarburanti tradizionali e un passaggio rapido a nuovi biocarburanti ricavati da fonti alternative, quali alghe e rifiuti. Queste misure mirano a ridurre le emissioni di gas a effetto serra dovute al crescente utilizzo dei terreni agricoli per la produzione di colture di biocarburanti.

 

Tetto massimo del 6% al 2020 sul totale dei consumi energetici nei trasporti per i biocarburanti di prima generazione, quota minima del 2,5% per quelli di seconda generazione (alghe). Queste le modifiche alle direttive 98/70 (Qualità della benzina e del combustibile diesel) e 2009/28 (Fonti rinnovabili) approvate dal Parlamento europeo.

 


Le aziende produttrici di Biodiesel da bioalghe si dovranno strutturare per produrre grandi quantità di combustibile per soddisfare le richieste del mercato.

 

TEREGROUP HA GIA' PRODOTTO E TESTATO IL BIODIESEL DA ALGHE SECONDO LE NUOVE NORME EUROPEE.

Teregroup è la prima azienda in Europa ad aver testato su vetture standard il biodiesel ricavato dalle alghe.

Presso l’UNIVERSITA' DI MODENA DIPARTIMENTO "ENZO FERRARI" è stato testato il carburante su un motore di serie senza alcuna modifica con risultati sorprendenti (STESSA POTENZA E COPPIA DEL DIESEL COMMERCIALE MA PARTICOLATO NOTEVOLMENTE RIDOTTO) come dimostrato nel video qui di seguito.

AL CONVEGNO DI DETROIT SULL'AUTOMOTIVE IL PROFESSOR RINALDINI DI UNIMORE HA PRESENTATO IL BIODIESEL DA ALGHE DI TEREGROUP E ALGAMOIL

 

 

 

With the decreasing availability of conventional fossil fuels, their rising costs and their contribution to the accumulation of carbon dioxide in the environment, it has become necessary to research alternative fuels for engines.

Biodiesel is one of the best option to fulfill this demand but there is an increasing motivation to limit the production of fuel from eatable resources. In this scenario Biodiesel from Algae appears a promising solution for partially or totally substitution of fossil fuel in Diesel engines.

This study is dedicated to the engine application of blend of Biodiesel manufactured by transerification reaction from Microalgae and Diesel Oil (B20). Experiments were carried out on a 4-cylinder, 4-stoke naturally aspirated Diesel Engine whose performance and emission where measured on a wide range of operating points.  Results obtained with B20 has been compared with ones obtained using commercial Diesel Oil. It was found that B20 leads to a very small decrease of performance limited to higher loads while slight differences have been found in engine pollutant emissions. Regarding the last issue, one of the most interesting results has been the reduction of soot emission measured supplying the engine with the B20 mixture. 

NOTHEGGER, UNA DELLE PIU' GRANDI SOCIETA' DI AUTOTRASPORTO, SOSTITUISCE I SUOI AUTOTRENI CON MODELLI FUNZIONANTI A BIODIESEL E PREVEDE DI RISPARMIARE CIRCA 4.000 € ALL'ANNO CADAUNO.


Nothegger Transport Logistik GmbH, St. Ulrich am Pillersee/Österreich, hat über 200 Scania-LKW mit Euro-VI-Motoren bestellt. Diese können auch ausschließlich mit Biodiesel gefahren werden. Es handelt sich dabei um 450 PS starke Sattelzugmaschinen mit 13-Liter-Reihensechszylindermotoren. „Der Gesamtauftragswert liegt bei rund 19 Mio. EUR“, erklärt Geschäftsführer Karl Nothegger jun. auf DVZ-Anfrage. Die Auslieferung der Fahrzeuge ist für den Zeitraum von April bis Dezember 2014 vorgesehen. Eingesetzt werden die mit Service- und Wartungsverträgen ausgestatteten Fahrzeuge vor allem im Fernverkehr. 44 Zugmaschinen stellen laut Nothegger eine echte Fuhrparkerweiterung dar, während 176 ältere Fahrzeuge ersetzt werden. Die Altfahrzeuge gehen im Eigenverkauf nach Arabien und Russland. Insgesamt umfasst der Fuhrpark des 1992 gegründeten Unternehmens 750 LKW.

In Österreich wird die Nutzung von Biodiesel durch Steuererleichterungen gefördert, was sich in entsprechend niedrigeren Preisen an den Zapfsäulen niederschlägt. Nothegger rechnet mit einer Kostensenkung von rund 4000 EUR pro LKW bei 150.000 km/Jahr. „Dies trotz des etwas geringeren Energiegehalts von Biodiesel bei gleichzeitig etwas vermehrtem Wartungsaufwand“, betont Nothegger.

 

LABORATORIO DI SVILUPPO ALGHE

Nel mese di marzo 2013 è stato presentato il nuovo laboratorio di sviluppo delle alghe presso il nuovo polo dell'alga combustibile di Teregroup, la struttura è completa di ogni tecnologia e strumento di analisi per migliorare i processi produttivi e per studiare nuove alghe ad alto rendimento. Il laboratorio è gestito da biologi e chimici specializzati nella ricerca e sviluppo dell'alga ad uso farmaceutico e per la produzione di carburanti per cogenerazione e biodiesel.

NOVITA' PER IL BIODIESEL DA AUTOTRASPORTO

È esentato dall'accisa il «biodiesel» ottenuto nell'ambito di progetti-pilota tendenti a promuoverne l'impiego sperimentale e favorirne lo sviluppo tecnologico, fino a un quantitativo massimo annuo di 125.000 tonnellate. Con decreto del Ministro delle finanze, di concerto con il Ministro dell'industria, del commercio e dell'artigianato e con il Ministro per le politiche agricole, sono determinati i tempi di applicazione dei progetti pilota, nonché i requisiti degli operatori, le caratteristiche tecniche degli impianti di produzione, nazionali ed esteri, le caratteristiche fiscali del prodotto con i relativi metodi di prova ed i criteri di assegnazione dei quantitativi esenti agli operatori.

 

La Teregroup può quindi realizzare impianti chiavi in mano per la produzione di biodiesel in particolare per le aziende dell'autotrasporto dove i costi di carburante arrivano anche al 30% dei costi generali.

 




OGNI LITRO DI CARBURANTE SI RISPARMIERANNO QUINDI 0,67 €

BIO-OIL FROM ALGAE

LE ALGHE PER FILTRARE LA CO2

 

Le quantità di CO2 emessa nell'atmosfera è indicata nella applicazione qui di seguito.

L'importanza delle alghe per filtrare la CO2 è ormai riconosciuta a livello  internazionale, la tecnologia quindi di Teregroup permetterà di risolvere il problema in modo totalmente naturale

PRODUZIONE DI ENERGIE ALTERNATIVE

Statistics visitors

Punta massima di visitatori giornalieri del mese di Luglio.

Il 9 Giugno 2014 il sito ha raggiunto le 4.779 visite.

Impressioni di pagina

Punta massima di impressioni di pagina giornaliere del mese di Luglio.

Il 16 Giugno 2014 il sito ha raggiunto le 9.806 impressioni di pagina.

Visitors